Il lavoro di Mary Pola nasce e si svolge all’interno di un’officina meccanica a stretto contatto con una realtà di lavoro tradizionale. Il suo materiale è il ferro, il suo strumento la saldatrice, che trasforma la lamiera alla ricerca di una forma possibile nonostante la rigidezza del materiale.

Lamiera di ferro, ferro di recupero, acciaio corten, bidoni di petrolio da riciclare passano sotto l’azione incessante dell’artista protesa senza tregua a riconvertire la materia per poterle assegnare un nuovo senso. Nei suoi lavori da parete il metallo viene battuto, spianato, riposto e teso su telai anch’essi metallici raggiungendo l’effetto leggero della tela.

Questo contrasto fra la pesantezza del materiale e l’effetto visivo rendono ineludibile la riflessione sul principale aspetto del suo lavoro: la costante tensione tra opposti e l’ambiguità che questa può creare. Pesantezza della materia e leggerezza della luce che la percorre. Aperture nella materia che rompono la sua staticità
permettendole di essere attraversata dallo sguardo.

E allora si capisce perché Mary Pola abbia eletto proprio il ferro a materiale fondante della sua ricerca. Un metallo che per sua natura può offrire due facce così diverse quasi opposte. Da una parte quella forte della lamiera liscia, lucida e impenetrabile e dall’altra quella fragile di una superficie che si lascia ossidare dal tempo testimoniato dal caldo colore della ruggine.

Con le ossidazioni l’artista estremizza le differenze, da una parte tramite sapienti saldature precise come le suture di una ferita nonostante la resistenza del materiale, dall’altra con sapienti trattamenti superficiali che rendono la lamiera liscia e immune da qualsiasi contaminazione. Forme e superfici descrivono dinamiche in movimento, attimi di instabilità che creano infiniti disegni soggettivi e immaginari adattabili ad ogni sguardo. Ossidazioni che evocano paesaggi interiori e desertici, angoli abbandonati del subconscio.

Siamo di fronte a un’estetica essenziale, povera, direi quotidiana che riesce tuttavia a mescolare il senso della fatica, la leggerezza, l’impegno manuale e un’etica della compatibilità. Sono questi valori ancora più presenti nelle sculture tridimensionali nelle quali la sofferenza della materia lascia il passo alla ricerca formale e la saldatura si trasforma da trompe l’oeil in virtuosismo segreto.

Mary Pola nasce in Sardegna nel 1975. Vive e lavora in Umbria.

Tra le principali mostre personali ricordiamo: nel 2018 MEMORIES, critical text by Alberto Rigoni, Korean Contemporary Art – 2nd Avenue Gallery, Seoul (Korea); 2016 VIAGGIATORI sulla FLAMINIA 9\ Viaggiatori Straordinari & Ciarlatani 5° itinerario, Spoleto, (PG), IT; MEMORIES, installazione fotografica\ performance di Barbara Pinchi Poesia; 2016 OPUS & LIGHT – anno XVIII° MADONNA del POZZO, Spoleto, (PG), IT; 2012 Clashes, Carlotta Testori Studio, Milano, IT; 2010 Mary Pola for ERG, Palazzo Nicosio Lomellino, Genova, IT; Rolly Days. Arte Contemporanea nei palazzi storici della città, Genova, IT; MEMORIES, Installazione audiovisiva con barili, Genova, IT; nel 2006 Mary Pola/Armando Moriconi, doppia personale, Flash Art Museum of Contemporay Art, Trevi (PG), IT.

Tra le principali mostre collettive ricordiamo: nel 2016 MISERICORDIA | Il Sacro nell’arte contemporanea, Museo Diocesano e Capitolare, Foligno (PG), IT; 2014  Premio Arte Mondadori, Permanente di Milano, Milano, IT; Ricognizione – Arte Contemporanea in Umbria, Centro Internazionale Arte Contemporanea, Foligno (PG), IT; MISA – Ipotesi Dinamica, Museo Archeologico nel Complesso di S.M.Arcangelo, Montecelio (RM), IT; IO e Michelangelo, Accademia Delle Arti Del Disegno/ Accademia Delle Belle Arti, Firenze, IT; ARTOUR-O il MUST, in città, Firenze, (FI), IT; 2013 8° VIAGGIATORI sulla FLAMINIA – Arcadia, Mente, Corpo & Paesaggio, MAD Umbria Museum, Trevi (PG), IT; 2007 Colori e immagini dell’Italia, Beijing World Art Museum, Beijing, CH; 2006 Taormina Biennale Visiva, Plalazzo Corvaja, Taormina (ME), IT.

MARY POLA | CV

 Nasce in Sardegna nel 1975. Vive e lavora in Umbria.

Formazione

2001 Accademia delle Belle Arti di Firenze

2000 Accademia di Belle Arti di Sassari

Premi

2014 Selezionata al concorso “Premio Arte Mondadori”

2014 Selezionata al concorso internazionale “MISA”

2006 Primo Premio Internazionale “Taormina Biennale Visiva”

2004 Selezionata al concorso nazionale “Pagine Bianche D’Autore”

Selezione Mostre Personali

2018 MEMORIES, critical text by Alberto Rigoni, Korean Contemporary Art – 2nd Avenue Gallery, Seoul (Korea)

2016 VIAGGIATORI sulla FLAMINIA 9\ Viaggiatori Straordinari & Ciarlatani 5° itinerario, Spoleto, (PG), IT

MEMORIES, installazione fotografica\ performance di Barbara Pinchi Poesia

2016 OPUS & LIGHT – anno XVIII°, Madonna del Pozzo, Spoleto (PG), IT

2012 Clashes, Carlotta Testori Studio, Milano, IT

2010 Mary Pola for ERG, a cura di Anna Orlando, Palazzo Nicolosio Lomellino, Genova, IT

Rolli Days. Arte contemporanea nei palazzi storici della città, Genova, IT

MEMORIES installazione audiovisiva con barili, Genova, IT

Selezione Mostre Collettive

2016 MISERICORDIAE | Il Sacro nell’Arte Contemporanea, a cura di Paolo Aquilini, Museo Diocesano e Capitolare, Foligno (PG), IT

2014 Premio Arte Mondadori, Palazzo della Permanente di Milano, Milano, IT

2014 Ricognizione – Arte Contemporanea in Umbria, CIAC, Foligno (PG), IT

MISA – Museo Internazionale di Scultura in progress per le Aziende, Guidonia (RM),IT

IO e MICHELANGELO, Accademia delle Arti del Disegno, Accademia delle Belle Arti, Firenze, IT

ARTOUR-O il MUST, Interior, nel Parco, Villa La Vedetta, Villa Fani, in Città – Firenze, IT

2013 8° VIAGGIATORI Sulla FLAMINIA-Arcadia: mente, corpo & paesaggio, MAD, Trevi (PG),IT

2012 Giorni Felici a Casa Testori, Associazione Testori, Novate Milanese (Mi), IT

2007 Colori e immagini dall’Italia, Beijing World Art Museum, Beijing, CH

2006 Mary Pola | Armando Moriconi, Flash Art Museum of Contemporany Art, Trevi (PG), IT

Taormina Biennale Visiva, Palazzo Corvaja, Taormina (ME), IT

Amori Imperfetti, Spazio Contemporaneo Jerico, Perugia, IT

Lavori Presso Istituzioni Pubbliche

2018 Progetto Opera, Colacem spa, Gubbio (PG), IT

2018 Progetto Opera, Europam spa, Genova (GE), IT

2015 Progetto Opera, Assagenti – Associazione Agenti e Mediatori Marittimi – Genova (GE), IT

2015 Progetto Opera, Istituto Giannina Gaslini – Rep. Nefrologia, Genova (GE), IT

2015 Progetto Opera, Compagnia di Navigazione “ Messina ” (GE), IT

2014 Progetto Scultura Monumentale, MISA Guidonia Montecelio (RM), IT

2013 Progetto Scultura Monumentale, Piazza del comune di Calangianus (SS), IT

2009 Progetto Opera, Società Petrolifera “ LUKoil ”, Moscow, RUS

2009 Progetto Opera, Società Petrolifera “ ERG “, Genova, (GE), IT

Workshop

2013 2° Festival della Rigenerazione Urbana – Relazioni, Rosarno (RC), IT

Download Rewies

Memories: Frammenti minimi da un futuro anteriore – Alberto Rigoni